Progetto Fondo Unico Giustizia - FUG

 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
Servizi
di nodo
 
 
 
 

Equitalia Giustizia S.p.A., con l'obiettivo di razionalizzare la gestione  delle somme amministrate dal sistema giustizia nell'ambito del Fondo Unico Giustizia - FUG, ed in ottemperanza a quanto previsto dal D.L. 143/2008, convertito nella Legge 181/2008, recante "Interventi urgenti in materia di funzionalità del sistema giudiziario", ha individuato nel Consorzio CBI il soggetto attraverso il quale realizzare, in modalità accentrata, un servizio abilitante il controllo telematico dei rapporti riconducibili al FUG.

 

Nel corso del 2009 il Consorzio CBI ha quindi implementato, attraverso l'utilizzo dei "Servizi di Nodo CBI", una connessione telematica tra l'Industria Finanziaria ed Equitalia Giustizia S.p.A, al fine di consentire a quest'ultima di:

 

a.   ricevere le rendicontazioni elettroniche dei suddetti rapporti e la misura del tasso attivo a questi applicato;

 

b.   movimentarne le disponibilità.

 

Si riporta di seguito una sintesi dei principali adempimenti degli Istituti Finanziari depositari di rapporti FUG.

 

 

A. Comunicazioni rapporti Fondo Unico Giustizia

Gli Istituti Finanziari inviano ad Equitalia Giustizia le informazioni relative a conti correnti, depositi a risparmio liberi/vincolati e deposito titoli
 
Comunicazioni rapporti Fondo Unico Giustizia
 
 

Il Consorzio, con Circolare 13/2009 ha individuato una soluzione architetturale per le tre tipologie di rapporti da rendicontare (conti correnti, depositi a risparmio, depositi titoli), che consente agli Istituti Finanziari italiani l'invio delle informazioni richieste secondo tracciati standard tramite canale CBI o caricamento su apposita interfaccia web (accesso disponibile al sito www.servizidinodo.it/equitaliagiustizia, mediante le credenziali inviate dal Consorzio CBI con Lettera Circolare del 13 gennaio 2010 a tutti i Consorziati, mentre gli Istituti Finanziari non Consorziati potranno richiedere le credenziali cliccando su "Richiedi User e Pwd"), secondo la tabella di seguito riportata:

 

 
Sintesi modalità di comunicazione saldi, movimenti e rendimento dei rapporti
Sintesi modalità di comunicazione saldi, movimenti e rendimento dei rapporti
 
 

Si rende noto che sono disponibili, nell'area riservata ai Consorziati, i messaggi di rete riguardanti le modalità di comunicazione con Equitalia, riportati in sintesi di seguito.

Per ulteriori informazioni, si rimanda al sito web www.equitaliagiustizia.it.

 

 

  • Messaggio di Rete CBI dell'8 gennaio 2010: modalità di comunicazione di informazioni di rendicontazione.

 

  • Messaggio di Rete CBI del 09 febbraio 2010: modalità di invio estratti conto di recupero relativi al 2009.

 

  • Messaggio di Rete CBI del 22 marzo 2010: fase di test per il servizio informativo "Informazioni Tasso Attivo".

 

  • Messaggio di Rete CBI del 15 aprile 2010: informativa sui flussi telematici di estratto conto (EC-EF).

 

 

Si richiede che - in conformità con quanto avviene nella relativa copia cartacea di estratto conto - la causale CBI 18 (Interessi e competenze) non venga utilizzata per identificare un generico movimento contenente la somma algebrica degli interessi e delle spese applicati sui suddetti conti, ma che la stessa contenga le sole voci relative agli interessi attivi e passivi opportunamente differenziate. Per le spese invece dovrà essere utilizzata l'apposita causale 66 (Spese).

 

B. Movimentazione rapporti Fondo Unico Giustizia

Equitalia Giustizia opera direttamente sui propri conti
 
Movimentazione rapporti Fondo Unico Giustizia
 
 

Il Consorzio, con Circolare 6/2010 ha comunicato che Equitalia Giustizia, in attuazione di quanto previsto dall'art. 6 del citato decreto nonché del master plan di progetto con il Consorzio CBI, ha di recente manifestato la volontà di avviare la seconda fase progettuale consistente nell'abilitazione della facoltà di trasferire le risorse del FUG attraverso i servizi dispositivi CBI a valere sui conti correnti riconducibili al FUG. Al riguardo, si ricorda che Equitalia Giustizia accede al circuito CBI per il tramite del Consorzio CBI che, nell'ambito dei "Servizi di Nodo", l'ha dotata di una apposita postazione di lavoro (front end Soggetto Proponente).

 

Al fine di garantire la piena disponibilità dei conti correnti intestati FUG e dunque l'abilitazione delle attività dispositive è tuttavia necessario che i consorziati intervengano sulle eventuali procedure interne di blocco applicate ai citati conti. Al riguardo, si conferma infatti che l'art. 6 comma 3 lettera d) del citato decreto n.127 abilita l'attività di trasferimento fondi da parte di Equitalia Giustizia e dunque qualsiasi eventuale blocco operativo applicato sui conti FUG che inibisca tale facoltà risulta illegittimo. In materia si è espresso anche il Settore Ordinamento Finanziario dell'ABI che, a seguito di appositi approfondimenti con il Gruppo di Lavoro che si occupa delle tematiche del FUG dal punto di vista normativo, ha rilevato la necessità di eliminare i blocchi operativi che inibiscono l'operatività di Equitalia Giustizia sulle risorse riconducibili al FUG e che non siano altrimenti giustificabili.

 

Tutto ciò premesso, le Istituzioni Finanziarie Consorziate sono tenute ad abilitare (obbligo già in vigore dal 1° ottobre 2010) le seguenti funzionalità di Banca Passiva CBI sui conti correnti di Equitalia Giustizia (Codice Univoco CBI   0902506P) riconducibili al FUG:

 

-   funzioni dispositive: "Pagamenti - Bonifici (PC-EF)" e "Disposizioni di pagamento XML SEPA" e relative funzioni di esito;

 

-   funzione informativa: "Rendicontazioni giornaliere (RH-EF)".

 

Si precisa inoltre che l'invio delle rendicontazioni giornaliere sui conti correnti (RH-EF) si somma all'invio degli estratti conto mensili ( EC-EF) che dovranno comunque essere trasmessi.

 

Si rende noto che sono disponibili, nell'area riservata ai Consorziati, i messaggi di rete riguardanti gli obblighi degli Istituti Finanziari nei confronti di Equitalia, riportati in sintesi di seguito. Per ulteriori informazioni, si rimanda al sito web www.equitaliagiustizia.it.

 

  • Messaggio di Rete CBI del 22 settembre 2010: attivazione servizi di esito ("Esito Disposizioni di Pagamento (EP-EF)" e "Esito verso Ordinante e Beneficiario").

 

  • Messaggio di Rete CBI del 18 novembre 2010: modalità di comunicazione "Informazioni Tasso Attivo".

 

  • Messaggio di Rete CBI del 1 gennaio 2011: obblighi per le imprese assicurative.

 

  • Messaggio di Rete CBI del 25 giugno 2012: modalità di trasmissione estratti conto annuali.

 

 

Si informa che Equitalia Giustizia ha richiesto, con riferimento ai rapporti di conto corrente intestati "Fondo Unico Giustizia", di voler ricevere dagli Istituti bancari su supporto cartaceo esclusivamente gli estratti conto annuali. Si conferma inoltre che gli estratti conto periodici dovranno essere inviati dagli Istituti bancari stessi esclusivamente in modalità telematica tramite il circuito CBI.

 

Tutta la documentazione del Consorzio CBI (circolari, lettere circolari e messaggi di rete) citata in questa pagina è disponibile in download nell'area riservata ai Consorziati - Documentazione CBI.

 

Puoi accedere alla documentazione se sei un Consorziato.

 
 
 
 
 
 

Consorzio CBI

R.E.A.  N. 1205568 - C.F. e n. Reg. Imp. di Roma 97249640588 - Partita IVA  08992631005